Incoming & Outgoing Tour Operator


L'Isola Tiberina e il Ghetto Ebraico di Roma

 

La nostra visita partirà dal cuore di Roma, l'Isola Tiberina, unita alla terraferma da due Ponti, il Ponte Cestio ed il Ponte Fabricio. Secondo la leggenda, l'isola si è formata dai covoni del grano mietuti a Campo Marzio e rovesciati nel Tevere, che assieme alla melma e ai detriti portati dalla corrente,diedero vita a questa formazione. L'Isola, che nella forma appare come una nave, al punto che gli antichi vi collocarono delle opere che ricordavano la prua, la poppa e l'albero maestro, si trova in una caratteristica posizione al centro del fiume, che le fa da cornice.
A ridosso del fiume Tevere, nei pressi dell’Isola Tiberina, sorge il Ghetto Ebraico di Roma, tra i più antichi e suggestivi d’Europa, istituito da Papa Paolo IV nel 1555 “Cum nimis absurdum”.
Imponente luogo della memoria, tra i suoi vicoli tuttora è possibile trovare resti romani come il Portico di Ottavia, eretto nel I sec.a.C. dall’Imperatore Augusto, tra le cui rovine fu trasferito il mercato del pesce fino alla fine dell’Ottocento, e sorse, proprio dentro il Propileo, la chiesa di Sant’Angelo in Peschiera; oppure il Teatro di Marcello, nelle cui arcate fabbri e calderai avevano allocato le proprie botteghe.
Troviamo inoltre resti medievali e rinascimentali con testimonianze di diverse stratificazioni costruttive che giungono fino ai giorni nostri, come la Sinagoga, un’opera architettonica in stile Liberty, considerata la più grande d’Europa.
Passeggiando tra i vicoli del ghetto è possibile ammirare fontane di pregevole disegno artistico, accompagnate da particolari aneddoti, come la cinquecentesca Fontana del Pianto nella Piazza delle Cinque Scole, che nel suo nome ricorda l’antica presenza di cinque sinagoghe, o come la Fontana delle Tartarughe, situata in Piazza Mattei, gioiello della fine del 1500, in marmo e bronzo, caratterizzata dalla presenza di quattro tartarughe, attribuite forse al Bernini e risalenti al 1658. 
Un viaggio emozionante e suggestivo nei luoghi della Roma ebraica…davanti ad i nostri occhi 2.000 anni di storia ed un fascino che resta immutato.