Incoming & Outgoing Tour Operator


Le macchine e gli Dei nella ex Centrale Montemartini

Appuntamento: davanti alla scalinata d’ingresso al Museo, via Ostiense 106 - 00154 Roma

In caso di maltempo: visita confermata

Visiteremo un polo espositivo davvero unico nel suo genere, tanto da aver attratto nel corso degli anni un vastissimo pubblico di visitatori, anche fra i non addetti o non particolarmente appassionati di archeologia e di arte antica in genere. 
Durante i lavori di ristrutturazione dei Musei Capitolini, alcuni dei preziosi capolavori ivi esposti vennero allestiti all’interno di un nuovo spazio museale, inizialmente concepito come temporaneo, ricavato negli ambienti della ex Centrale Termoelettrica Giovanni Montemartini, accostando per la prima volta due mondi diametralmente opposti come l'archeologia classica e l'archeologia industriale. 
In un suggestivo gioco di contrasti, nei grandiosi ambienti produttivi della prima centrale elettrica pubblica romana, accanto ai macchinari eccezionalmente conservati come le turbine, i motori Diesel e la colossale caldaia a vapore, risaltano preziosi marmi, manufatti e capolavori di scultura antica rinvenuti negli scavi della fine dell'Ottocento e dei primi anni del Novecento, all’epoca delle grandi trasformazioni urbanistiche di Roma Capitale e del ventennio fascista.
Il forte impatto dovuto all’ardito accostamento tra “il ferro delle macchine ed marmo degli dei” sarà già di per sé un’esperienza particolare che vivremo insieme ripercorrendo i momenti più significativi dello sviluppo dell’antica città dall’età repubblicana fino alla tarda età imperiale: dai corredi funerari che dimostrano il lusso che si introduce a Roma dopo la conquista della Grecia, alle sculture che provengono dai grandi complessi architettonici dell’area centrale monumentale e dalle ricche residenze periferiche gentilizie dei cosiddetti horti.